icon-facebook

Atti degli Eventi

caixesGiorno 1: Notte di Box

EIl giorno 6 Novembre, 1632 gli abitanti di Bocairent, grato per la guarigione della sofferenza epidemia, ottenendo sotto la devozione di San Blas, è stato proclamato Patrono della città. Quella sera è stata fatta proclamazione pubblica del suo patronato a colpi di cassa con gioia per le strade.

La felice ricorrenza rivive ogni anno a metà pomeriggio il primo giorno di febbraio, dopo l'Angelus della sera e il primo "Vitol a Sant Blai Patro" dalle porte di City Hall, per serguir con la sfilata delle lanterne e il battito delle scatole .

 

entradaGiorno 2: Data di entrata

Dal primo terzo del XX secolo, gli atti del partito iniziare la giornata con le bandiere hizado, cantando il Bocairent himo e la presentazione delle band che li accompagnano filaes. 

Nel pomeriggio, la memoria delle truppe aragonesi di re Giacomo I, che con il madato Cavaliere Oriz, è entrato il Moro Bekirent città nel 1245, torna a essere realizzato tra gli applausi dalla folla.

Il cristiano cinque e quattro more filaes sfilata per le strade con bandiere, striscioni, supporti e schiavi, le bardature dei capitani, il ritmo della musica dal vivo il primo e il battito dei tamburi e dolzainas questi ultimi.

 

santblai2Giorno 3: Giorno di San Blas

Fanfare ingresso cede miticismo oggi. Modello è il giorno del compimento del voto fatto dai Bocairent quattro secoli fa.
Dopo la mattinata Diana, alla Messa solenne, la gente si aspetta così entusiasta il sermone in onore del patrono, rispondendo alla "Vitol" che è la sintesi della fede di un popolo.

Nella processione, in particolare alle porte di San Blas in Piazza e la chiesa parrocchiale, questo personaggio sarà di apoteosi allegria con la candela in alto e "San Blas Vítoles modello a riempire lo spazio.

 

embaixadaGiorno 4: Mori e Cristiani

Oggi è il giorno della guerra. L'epopea della conquista e le lotte sono concentrati nelle strade, fino al castello, con moschetti e colpi di moschetto.

Una volta che si calmano le armi, inizia la sottile dialettica degli ambasciatori che viene riempito con una polemica brillante. Venduto parole, la forza viene contestato di mano in mano, che rientrano nelle mani dei Mori.

Nel pomeriggio, con la fortuna opposta e gli stessi fucili spararono, cristiani, dopo parlamenti brillanti, recuperare il castello per sempre.

 

santcristGiorno 5: Giorno del Sant Crist

Dopo di destinazione, orario variabile, andare fino alla cappella del Santo Cristo, una volta terminata la messa di ringraziamento, l'Ambasciatore Moro recitare il "espropriazione del Moro". Questo, per separarsi dai suoi paramenti regali, fatto pubblica professione di fede e convertito alla religione di Cristo. All'uscita, per celebrare e resto delle forze di salita, si fa il tradizionale pranzo con i falò.

Al suo ritorno, è costretto sulla chiesa parrocchiale di baciare la reliquia di San Blas, pronto per i fedeli.